- PAZIENTE 3: Mal di schiena cronico - Il Blog di Fascia and Motor Control - F&MC: Terapia Manuale Miofasciale

Vai ai contenuti

Menu principale:

- PAZIENTE 3: Mal di schiena cronico

F&MC: Terapia Manuale Miofasciale
Pubblicato da in Clinical Case ·
"Complimenti in tanti anni sono stato trattato da chiropratici, osteopati, fisioterapisti, ma mai nessuno mi ha tolto il dolore senza toccarmi la schiena", questa è stata la frase di congedo con questo paziente con mal di schiena cronico alla fine della prima seduta!!!!

Ma partiamo dall'inizio:
tempo fa mi ha contattato telefonicamente questa persona per un mal di schiena in fase acuta.
Questo paziente che chiameremo sig. Marco ha 53 anni, fisicamente asciutto ed in buona forma fisica, lavora come agente di commercio e dunque fa  molti chilometri in macchina tutti i giorni.
Da circa 13 anni soffre di mal di schiena, nei primi anni ha sofferto moltissimo a causa di un'ernia L4-L5 con un grosso coinvolgimento del nervo sciatico destro trattata con 24 iniezioni di ozono inizialmente e poi con ozono intradiscale.

Dopo questo intervento il dolore sciatico è migliorato, ma ha continuato a soffrire di mal di schiena.
Al sig, Marco piace fare sport, soprattutto adora giocare a beach volley, ma riconosce che questo sport ad ogni partita accentua il suo dolore ed in più peggiora un dolore femororotuleo al ginocchio di sinistro!!!!
Da anni soffre di un dolore che lui definisce ormai costante localizzato centralmente nella zona lombare bassa, e di un dolore tipo "chiodo impiantato" in sede sacro iliaca di destra. Il dolore peggiora quando guida a lungo, inoltre quando cammina a lungo il dolore alla sacro iliaca è seguito da sensazione di indolenzimento ed indurimento di entrambe le gambe.

Qualche giorno fa il dolore lombare si è acutizzato (vas 8-9) perchè in vacanza ha giocato parecchio a beach volley, ma nella seduta odierna il dolore  si è abbassato a vas 6-7.
Prima di iniziare la valutazione il dolore lombare è pari a vas 5.

Ad un primo test generale della mobilità il sig Marco presenta una buona flessione lombare senza peggioramento dei sintomi, mentre l'estensione risulta dolente a fine corsa.
La postura è tipo flat back con una abbondante retroversione del bacino, la colonna vertebrale sul piano frontale è ben allineata, ma è evidente una diversa altezza dei trocanteri con un arto inferiore sin più alto e con una differente altezza delle creste iliache.

Inizio come da prassi in F&MC la valutazione del SISTEMA PROFONDO, e risultano positivi al test di palpazione l'area dello PSOAS di destra ( il paziente mi dice che soffre da anni di irritazione all'intestino in quella zona, in più è presente la cicatrice di una vecchia appendicite) e l'area dei MULTIFIDI della zona toracica media destra.
In meno di 2 minuti resetto le aree dolenti con tecniche di tapping, faccio alzare il paziente che riferisce una diminuzione del dolore a vas 3 e la schiena un po' più leggera.

Inizio i test standard F&MC per l'arto inferiore tenendo ben presente della differenza di lunghezza dell'arto inferiore
Test GAC (Gambe Aperte-Chiuse) positivo a sinistra, tratto il medio gluteo sinistro, ma il test rimane positivo, continuo con il capo breve del bicipite sinistro, ma il test rimane positivo, continuo con i muscoli peronieri sinistri ma non sono dolorosi e allora termino con il 5° interosseo sinistro e finalmente il test GAC si neutralizza ( per chi non conosce F&MC poichè il test rimaneva positivo ho continuato a trattare le aree legate allo stesso SISTEMA MIOFASCIALE che è il SISTEMA DI ROTAZIONE).

Test GA con Eversione e poi con Flessione e Rotazione interna ginocchia: entrambe positivi a sinistra, tratto l'area del tensore della fascia lata sinistro, ritesto ed il test di Eversione è ancora positivo dunque tratto l'area adduttori di sinistra neutralizzando tutti i test

  Test GSA ( Gambe Semi Aperte) con Eversione positivo a sinistra, tratto il Tibiale Posteriore sinistro

  Test in Quadrupedica negativo, test di Flessione lombare negativo

  Test di Flessione lombare con Bastone positivo a destra, tratto il tricipite surale di destra ed il test si neutralizza

  Test di Estensione lombare con bastone negativo

Terminato il reset miofasciale dell'arto inferiore il paziente si alza si ascolta un po' perplesso e poi mi dice che il DOLORE LOMBARE e Sacro iliaco è pari a 0 .
Permane soltanto una forte pesantezza agli arti inferiori, come se avesse fatto tanta ginnastica.
Provo allora ad eseguire un test e reset dei withdrawal reflex eventualmente presenti nell'arto inferiore (effettivamente il paziente alla richiesta di controllo veloce del movimento presenta una grossa fatica, ma dopo poche stimolazioni controlla molto velocemente).
Il paziente si rialza ed ora sta veramente bene e le gambe sono leggere, anzi sono talmente rilassate che fa quasi fatica a tenerle dritte.
Ora arriva la fase terminale della seduta, fisso l'appuntamento tra una settimana, chiedo al paziente di stare tranquillo per la giornata di oggi, ma di fare tutte le normali attività da domani.
Rimangono aperti molti punti da rivalutare alla prossima seduta
La presenza di eterometria d'arto è significativa per il problema del paziente?

Il problema intestinale cronico può essere la causa del mal di schiena?

La cicatrice dell'appendicite può interferire?

Nella prossima seduta si potrebbero presentare altre aree miofasciali che potrebbero corrispondere a vecchi compensi che erano stati sostituiti da quelli visti nella seduta odierna, oppure potrebbero ripresentarsi le stesse aree di oggi, e dunque continueremo il nostro ragionamento clinico per valutare quale dei 3 fattori scritti qui sopra possa essere la causa della recidiva.

Ho terminato la seduta rassicurando il paziente che gli esiti di questo trattamento fanno ben sperare, e tale cambiamento dimostra che non ci troviamo di fronte ad un problema grave, che non c'è una sensibilizzazione centrale nonostante il dolore cronico, ed ho continuato con un altro paio di informazioni positive e rinforzanti la visione ottimistica del quadro clinico.

Alla fine di tutto il paziente mi saluta e mi dice: " vorrei farti i miei complimenti, in 13 anni di mal di schiena ho visto i migliori professionisti tra chiropratici, osteopati e fisioterapisti, tutti mi trattavano sempre la schiena o le strutture vertebrali, avevo un po' di sollievo ma poi tornava tutto come prima, è la prima volta che vengo trattato con una visione diversa e con questi risultati"....ed io ho risposto...vediamo come è andata la seduta successiva nel prossimo post



Voto: 5.0/5
Ti interessa ricevere maggiori informazioni su F&MC?
Contatta direttamente l'ideatore e docente: cell +39 348 6991396 Mail: contatti@fasciamotorcontrol.com
Torna ai contenuti | Torna al menu