Quando il paziente si presenta senza sintomi...che fare? PARTE 1 - Il Blog di Fascia and Motor Control - F&MC: Terapia Manuale Miofasciale

Vai ai contenuti

Menu principale:

Quando il paziente si presenta senza sintomi...che fare? PARTE 1

F&MC: Terapia Manuale Miofasciale
Pubblicato da in Clinical Case ·
 
Oggi vediamo un caso clinico particolare che ci aiuta a comprendere come funziona il ragionamento clinico di F&MC.

 
Paziente di 74 anni molto attivo e sportivo, ama andare in bicicletta, da parecchi anni soffre spesso di lombalgia che normalmente risolve con delle iniezioni di Dicloreum, 10 anni fa è stato operato alla prostata.

 
Un anno fa è scivolato dalle scale con un lieve trauma cranico, dopo tale caduta il dolore a livello lombare si è accentuato.
 
Attualmente non ha alcun problema ad andare in bicicletta (fa parecchi kilometri), camminare in montagna anche per lunghe camminate non da alcun problema, quando deve camminare lentamente ed in piano dopo 3-4 kilometri inizia progressivamente un dolore in sede sacro-iliaca ds che aumenta sempre più finchè è obbligato a sedersi. Se  si siede per 30 secondi quando si rialza il dolore è sparito.
 
Sembrerebbe un problema lieve, ma dal paziente viene vissuto come molto invalidante e si sta preoccupando parecchio per il fatto che non riesce a farlo passare.

 
Osservazione: Postura in flessione del tronco che parte da un flessione delle anche
 
Come al solito inizio la valutazione secondo F&MC.
 
Per prima cosa controllo tutte le aree del sistema fasciale profondo anteriore e posteriore, tutte negative.
 
Prima di iniziare con i test specifici valuto la mobilità globale:
 
Flessione anteriore buona e senza dolore, estensione un po’ limitata ma senza dolore, test di rotazione lombare con paziente supino e ginocchia flesse buona e senza dolore!

 
Inizio la sequenza di test per l’arto inferiore tratto le seguenti aree:
 
1)      Test GAC + a destra con abbassamento della cresta iliaca: tratto l’area di flessione laterale coscia destra ed il test di neutralizza
 
2)      Test di INVERSIONE a GAMBE APERTE +, tratto l’area di flessione laterale gamba destra ma il test non si neutralizza, allora vado a trattare l’area di flessione laterale piede ed il test di neutralizza
 
3)      Test di FLESSIONE E ROTAZIONE INTERNA a GAMBE APERTE, tratto l’area di Rotazione Interna Coscia Destra ed il test si neutralizza
 
4)      Test di Flessione in piedi +, seduto +, quadrupedica - : tratto l’area di estensione lombare sinistra
 
5)      Test di Flessione con bastone sotto i talloni + a sinistra: tratto l’area di estensione gamba sinistro

 
Alla fine della seduta tutti i test sono negativi, ma rimane interessante la presenza di questa postura ad anche flesse, decido allora di eseguire una mobilizzazione fasciale del nervo femorale a livello inguinale bilateralmente, dopo il trattamento applico un tape in zona trasverso dell’addome ed il paziente all’esame posturale risulta in postura quasi normale.

 
Non essendoci grandi test positivi prima del trattamento lascio il paziente con il compito di provare a camminare a lungo nei giorni seguenti per vedere se qualcosa è cambiato nei suoi sintomi…..
 
Nel prossimo post vedremo come è continuato il ragionamento clinico

TI INTERESSA QUESTO APPROCCIO TERAPEUTICO?
QUI TROVI MAGGIORI INFORMAZIONI





Voto: 0.0/5
Ti interessa ricevere maggiori informazioni su F&MC?
Contatta direttamente l'ideatore e docente: cell +39 348 6991396 Mail: contatti@fasciamotorcontrol.com
Torna ai contenuti | Torna al menu